P2P: siamo tutti sorvegliati

La ricerca arriva dall’Università di Birmingham, e potrebbe far preoccupare gli utenti dei siti di “torrent”, quelli su cui milioni di utenti condividono contenuti di ogni tipo. Musica, film, documenti, file coperti da copyright il cui scambio, illecito secondo le associazioni dei produttori, è da sempre sotto osservazione. Ma finora nessuno sapeva il livello di dettaglio di questo scrutinio. Lo studio lo rivela, e relativamente ai “torrent” più popolari, le tante società di monitoraggio del web possono individuare l’indirizzo ip di chi scarica in circa tre ore.

(FONTE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.